Love story

 biglia primo innegabile segno

biglia primo innegabile segno

 le onde del destino la seconda visione

le onde del destino la seconda visione

 la nostra canzone fuori tempo

la nostra canzone fuori tempo

 lexotan l′amore contro la cura

lexotan l′amore contro la cura

 la tua favola preferita biscotti lungo il sentiero

la tua favola preferita biscotti lungo il sentiero

 scatola rossa per iniziare

scatola rossa per iniziare

 diari autobiografia di un amore, prima stesura

diari autobiografia di un amore, prima stesura

 tv sapevamo le battute a memoria

tv sapevamo le battute a memoria

 cibo in the food for love

cibo in the food for love

 angelo il mio peso perduto

angelo il mio peso perduto

 disegno preziosa sparizione

disegno preziosa sparizione

 sono il tuo uomo solo per te

sono il tuo uomo solo per te

 maschera inseguendo il tuo desiderio

maschera inseguendo il tuo desiderio

 macchina da scrivere il più bel regalo di compleanno

macchina da scrivere il più bel regalo di compleanno

 amuleto il tuo modo di dirmi le cose

amuleto il tuo modo di dirmi le cose

 quotidiano stesse scarpe per un differente cammino

quotidiano stesse scarpe per un differente cammino

 biglietti ancora in viaggio senza muoversi

biglietti ancora in viaggio senza muoversi

 lettere il sentiero più sicuro

lettere il sentiero più sicuro

 squisito dolore anatomia d′amore

squisito dolore anatomia d′amore

 scarpe scarpe dipinte per un altro cammino

scarpe scarpe dipinte per un altro cammino

 anello spezzato adatto al mio dito

anello spezzato adatto al mio dito

“Love story” è la documentazione affettiva di una storia d’amore. Come reperti archeologici oggetti privati ed intimi raccontano, lasciano intuire qualcosa che è accaduto, qualcosa che è stato e che forse non sarà più. È la narrazione dolorosa e forzata di un distacco, la cicatrizzazione lenta di una ferita. È un codice segreto, un linguaggio soggettivo che solo in parte può essere compreso ma proprio per questo restituisce il mistero di un amore, sfiora ciò che per sua natura è impronunciabile. Ed ogni amore ha la sua canzone, i suoi segni, i suoi anniversari, le sue lettere, le sue paure. Ogni amore pensa di essere unico, ogni amore pensa di essere eterno. Ogni amore è nudo e solo. “Love story” è resoconto o forse già archeologia di una fine. Ho trattato gli oggetti personali come reperti museali affinché le immagini fossero pulite, in un certo senso “spoglie”, ed il simbolo fosse talmente potente da divenire quasi sovrabbondante nel momento in cui si va a leggere il significato della didascalia. Didascalia che si aggiunge alla laconicità del titolo, che vuole essere una specie di datazione sentimentale dell’oggetto, di geografia interna di un ritrovamento.
Le cose restano, rimangono come scheletri di materia, “durano”. Sono ingombranti e nello stesso tempo indifese, smarrite nel vuoto di un addio. Sono rumorose. “Love story” è stato il mio modo di rispondere al loro chiamare, è stato toccarle ancora, vederle per un’ultima volta. Perché, nonostante il dolore, non voglio vada persa la memoria del mio cuore.