BIG BANG, collettiva di particelle elementari in espansione artistica

Secondo il modello del Big Bang, l’Universo ebbe origine con una “esplosione”, che riempì tutto lo spazio, a partire da un punto materiale. Dopo questo momento ogni particella cominciò ad allontanarsi velocemente da ogni altra particella. Nei suoi primi attimi l’Universo si può considerare come un gas caldissimo di particelle elementari in rapida espansione.

Un po’ quello che accade all’idea istintiva che “esplode” la narrazione di un’esistenza. La sua narrazione per immagini. Le particelle in espansione sono i frammenti catturati di ogni storia, che decidiamo di raccontare. Anzi, a volte non decidiamo: lo facciamo e basta.

Questa forza primigenia e generativa, l’istinto a raccontare per immagini il microcosmo umano delle emozioni e delle relazioni con la vita, accomuna tutti gli artisti di BIG BANG. Un incontro e raccordo insolito eppure necessario, che poteva solo essere fatto in “assenza” della voce narrante: i protagonisti si raccontano da sé. Alcuni di loro sono esordienti assoluti, altri artisti di esperienza che non dimenticano che ogni azione espressiva è un “esordio”, un “big bang” appunto.

Altro aspetto fondamentale è il rapporto tra idea intuitiva ed espressione istantanea, il cui significato sgorga a posteriori e parte da un “non testo”: l’obiettivo (concettuale e pratico) è riuscire ad espandere il tempo e lo spazio di una sensazione di eternità, da rendere tale: istantanea ed eterna.

ENTELECHIA, Daniela Lazzareschi

Rappresenta l’essenza stessa dell’espansione della vita verso ciò che è in quanto designata come suo significato e “racconto” innato: la vita è un percorso per ricordare il personale big bang, lo “scopo implicito”. All’osservazione e all’intuizione dell’artista viene assegnata la missione “poetica” di svelarlo, di renderlo cioè visibile ed esplicito.

I MIEI NONNI MI HANNO REGALATO UNA VECCHIA YASHICA, Samuel Costa

Artista della parola e musicista in espansione naturale verso l’immagine, ad aggiungere la sua quarta dimensione espressiva e affermare il suo “io ci sono” e “ergo, ricordo”, voglio ricordare, perché il ricordo tradotto e tramandato è l’eternità dell’anima. Le nostre relazioni con le persone e con gli oggetti, dicesi mondo.

I NEED PROTECTION, Alessandra Baldoni

Sta nel “senza” la nostra essenza. Nell’invisibile noi siamo vita nell’uni-verso possibile: l’essere. In questo invisibile noi cresciamo le nostre indicibili paure e gli inimmaginabili desideri. L’artista lo intuisce, e chiede ai suoi “attori” di affidarle tali segreti, per renderli tangibili attraverso il proprio estro fotografico e plastico. Germoplasmi protetti in traiettoria espansiva.

ODE TO MY FAMILY, Erjola Zhuka

Siamo arcipelaghi, non isole. La nostra “famiglia”, tuttavia, si compone di relazioni naturali e di altre irrazionali, con eventi casuali, circostanze, oggetti. Pulviscolo atmosferico che si muove vorticoso, “particelle elementari” che si aggregano e diventano i pianeti, i mondi, le galassie: tutto conta, niente è superfluo. E tutto “canta”.

VALERIA, Ugo Manzini

Un’azione metonimica: la parte per il tutto. Dell’aggregazione esistenziale, della famiglia, l’artista sceglie la sua generatrice di bellezza: donna, compagna di vita, madre. Su di lei il suo sguardo diventa a sua volta generativo, e tutto pare sfiorare nuove dimensioni, in un uni-verso anche in questo caso: l’amore.

A cura di Senzatesto Produzioni e Galleria Assente, Big Bang sarà esposta dal 2 luglio al 3 agosto a GreenheArt, spazio non convenzionale a Picciorana, Lucca.